17 Giugno 2024
La sindrome da malattia postorgasmica (POIS) è un complesso post-eiaculatorio di sintomi locali e/o sistemici che si manifesta quasi sempre entro secondi, minuti o ore dopo la masturbazione, il coito o l'eiaculazione spontanea. Dati recenti suggeriscono un meccanismo sottostante autoimmunogeno/allergico.

Cos’è la sindrome da malattia post-orgasmica

Esiste un disturbo cronico che colpisce gli uomini: la sindrome da malattia post-orgasmica.
Questa sindrome è classificata tra le malattie rare, ed è stata riconosciuta per la prima volta del 2002. E’ una rara malattia che debilita gli uomini dopo l’eiaculazione.

sindrome da malattia post-orgasmica universoss

Presenta sintomi simil-influenzali e allergici entro pochi secondi, minuti o ore dopo l’eiaculazione, e dopo può manifestare sequele mentali come diminuzione della concentrazione e irritabilità.

Gli uomini della sindrome da malattia post-orgasmica

Un uomo con questa sindrome è un uomo sofferente, che limita i rapporti sessuali di cui le sue aspettative romantiche si alimentano, creando lotte interne per evitare l’erotismo e influenzando in senso negativo la vita di chi è affetto dalla sindrome da malattia post-orgasmica.

In letteratura gli uomini che soffrono della sindrome da malattia post-orgasmica sono circa 50, ma vista la scarsità di studi si pensa che siano molti di più.

Cause della sindrome da malattia post-orgasmica

Non si conosce una causa certa ma solo ipotesi.

Le ipotesi sono:

  • L’ipotesi della allergia autoimmune è quella più accettata.
  • Un’altra ipotesi è  in competizione coinvolge un disturbo che coinvolge i recettori μ-oppioidi endogeni.
  •  Un’altra ipotesi invoca la compromissione delle risposte citochine e neuroendocrine

Trattamento per la sindrome da malattia post-orgasmica

Non esiste una cura apposita per la sindrome da malattia post-orgasmica. I pazienti vengono curati  con antistaminici, inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina e benzodiazepine. Una prova di terapia di iposensibilizzazione con sperma autologo ha avuto successo.

Uno studio con farmaci antinfiammatori non steroidei ha aiutato 1 paziente descritto in un singolo caso clinico, ma non è riuscito a trattare con successo altri pazienti.

Il primo contatto della sindrome della malattia post-orgasmica

Waldinger e Schweitzer hanno descritto per la prima nel 2002 la sindrome della malattia post-organica.

Hanno pubblicato un caso clinico di 2 uomini che presentavano sintomi simil-influenzali, come mialgie, affaticamento e calore intenso, e segni allergici locali, come mal di gola, gocciolamento postnasale, eritema cutaneo e una sensazione di bruciore agli occhi che si è verificato poco dopo l’eiaculazione. L’esordio dei sintomi in questi 2 pazienti è stato descritto come rapido, dell’ordine di secondi o ore dopo l’eiaculazione.

Questi sintomi ricorrenti dopo l’eiaculazione sono stati seguiti da sequele mentali, tra cui diminuzione della concentrazione e irritabilità. In generale, i sintomi di si sono verificati dopo l’eiaculazione per rapporto sessuale, masturbazione o spontaneamente durante il sonno e sono persistiti per 3-7 giorni. (Sindrome da malattia post orgasmica (POIS).Trans Androl Urol. 2016; 5 : 602-606

Nel tentativo di limitare la sintomatologia, la maggior parte dei pazienti con la sindrome della malattia post-organica ricorre ad attività sessuale deceduta o si astiene del tutto. Gli effetti fisici e psicologici del  la sindrome della malattia post-organica possono influenzare significativamente la qualità della vita dei pazienti.

Lo  studio di Waldinger

Waldinger in un suo studio che ha coinvolto 45 uomini caucasici, ne ha concluso che si fossero due tipo di sindrome da malattia post-orgasmica:

  • primario. Gli uomini con la sindrome  da malattia da malattia post-orgasmica presentano i siintomi  dalla loro prima eiaculazione nell’adolescenza
  • secondario. Gli uomini con il tipo secondario non mostrano segni fino alla tarda età adulta.

Approffondimento sull’ ipotesi della allergia autoimmune

 

Questa teoria è supportata da uno studio sulle reazioni del prick test (test per le allergie) di pazienti con sindrome da malattia post-orgasmica e sperma appartenente allo stesso organismo del soggetto  estremamente diluito.

Lo sperma raccolto è stato diluito a una concentrazione di 1:40.000, successivamente iniettato per via intracutanea nel lato volare dell’avambraccio sinistro e confrontato con la reazione cutanea al placebo con soluzione salina intracutanea allo 0,9%.

 Dei 33 uomini con la sindrome da malattia post-orgasmica che sono stati testati, l’88% ha avuto una reazione SPT (Standard Penetration Test) positiva al proprio sperma, mentre nessuno ha mostrato una reazione cutanea all’SPT(Standard Penetration Test) placebo.

Waldinger ha concluso che l’allergia di tipo I e di tipo IV di un paziente al proprio sperma potrebbe agire come il principale motore della successione dei fatti della malattia. Poiché i sintomi di malattia non si sono verificati durante le attività sessuali senza eiaculazione postulato che sindrome da malattia post-orgasmica potrebbe anche comportare una risposta immunitaria iperattiva dell’epitelio della mucosa che riveste il tratto urinario al liquido seminale.

A causa della mancanza di reazione cutanea genitale locale dopo l’eiaculazione, del verificarsi di molteplici disturbi sistemici e del successo del trattamento di iposensibilizzazione, hanno postulato che le reazioni immunologiche sindrome da malattia post-orgasmica si verificano a seguito di ripetuti contatti ravvicinati durante le eiaculazioni tra peptidi seminali e linfociti T.

I peptidi delle cellule di rivestimento uretrali interrotte o dei peptidi seminali autologhi a contatto con l’epitelio della mucosa interna dell’uretra vengono successivamente assorbiti dalle cellule dendritiche e quindi trasportati alla paracorteccia dei linfonodi. Nella paracorteccia, le cellule T naïve interagiscono con gli antigeni del liquido seminale, avviando così l’espansione clonale delle cellule T autoreattive e portando alla presunta reazione di ipersensibilità.

Altro studio per la sindrome da malattia post-orgasmica

In uno studio successivo, Waldinger ha studiato se l’iposensibilizzazione con sperma autologo allevierebbe i sintomi disindrome da malattia post-orgasmica

.2 pazienti hanno acconsentito a partecipare al programma di iposensibilizzazione.

Il protocollo di iposensibilizzazione prevedeva ripetute iniezioni intracutanee di sperma proprio con concentrazioni aumentate nel tempo. I 2 pazienti hanno riportato una diminuzione del  carico da da malattia post-orgasmica  dopo 15 e 31 mesi di iniezioni.

Un paziente ha anche riportato un miglioramento significativo della sua eiaculazione precoce poiché i suoi sintomi sindrome da malattia post-orgasmica sono diminuiti.

Questo studio supporta ulteriormente la natura autoimmune-allergica del sindrome da malattia post-orgasmica. I limiti degli studi di Waldinger includono la mancanza di uomini sani di controllo per i risultati SPT del seme autologo e il disegno dello studio osservazionale. Inoltre, il caso clinico di Nguyen confuta le sue teorie.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.