17 Giugno 2024
Anoressia, detta anche anoressia nervosa, è un disturbo alimentare in cui una persona ha un avversione verso il cibo con il risultato di un aumento della fame e dell’incapacità di mantenere un minimo il peso corporeo che si possa considerare sano. Le persone con questa malattia possono avere paura dell’aumento di peso anche quando sono sottopeso. Non mangiare cibo a sufficienza o fare troppo esercizio porta ad una grave perdita di peso.

Anoressia

Anoressia, detta anche anoressia nervosa, è un disturbo alimentare in cui una persona ha un avversione verso il cibo con il risultato di un aumento della fame e dell’incapacità di mantenere un minimo il peso corporeo che si possa considerare sano. Le persone con questa malattia possono avere paura dell’aumento di peso anche quando sono sottopeso. Non mangiare cibo a sufficienza o fare troppo esercizio porta ad una grave perdita di peso.

Cause dell’anoressia

Le cause esatte dell’anoressia sono sconosciute. La genetica e gli atteggiamenti sociali nei confronti dell’aspetto esteriore possono giocare un ruolo importante. Alcuni esperti hanno suggerito che i conflitti all’interno di una famiglia possono contribuire a questo disturbo alimentare. Essa è otto volte più comune nelle persone che hanno parenti già malati. I fattori di rischio includono:

  • Essere di sesso femminile;
  • Avere problemi gastrointestinali durante la prima infanzia;
  • Infanzia contrassegnata da ansia;
  • Maggiore attenzione o preoccupazione per il peso e la forma;
  • Negativa immagine di sé;
  • Accettare l’atteggiamento sociale nei confronti della magrezza;
  • Perfezionismo.anoressia

L’anoressia nervosa di solito si verifica durante adolescenza o nella prima età adulta. E’ più comune nelle donne. Il disturbo alimentare è rilevato principalmente in donne caucasiche, che hanno elevati obiettivi accademici e obiettivi orientati alla famiglia o all’affermazione di sè.

Sintomi dell’anoressia

Un ammalato limita severamente la quantità di cibo che mangia, o dopo aver mangiato cerca volontariamente di vomitare. Alcuni possono anche utilizzare diuretici, pillole e lassativi per perdere peso. La maggior parte delle persone con anoressia nervosa non riconoscono di avere un disturbo alimentare. I comportamenti che possono essere notati in un anoressico possono comprendere:

  • Andare al bagno subito dopo i pasti;
  • Mangiare velocemente grandi quantità di cibo;
  • Esercizio compulsivo;
  • Tagliare il cibo in piccoli pezzi;
  • Limitare la quantità di cibo che si mangia;
  • Uso di lassativi, clisteri o diuretici (pillole d’acqua), nel tentativo di perdere peso;
  • Estrema perdita di peso (15% o più al di sotto del peso-forma);
  • Perdita rapida di grasso corporeo;
  • Poca memoria e giudizio;
  • Confusione o lentezza di pensiero;
  • Alta sensibilità al freddo (indossare diversi strati di vestiti per stare al caldo);
  • Assenza di mestruazioni;
  • Bassa pressione sanguigna;
  • Danneggiamento ai denti a causa del vomito volontario;
  • Secchezza delle fauci;
  • Ingiallimento della pelle;
  • Depressione.

Diagnosi dell’anoressia

Una diagnosi di anoressia non viene fatta fino a quando altre cause di perdita di peso non sono state escluse. Ad esempio, l’estrema perdita di peso potrebbe essere dovuta alla celiachia, ad un’infiammazione intestinale, alla malattia di Addison e molte altre metaboliche, endocrine o digestive, oppure a disturbi del sistema nervoso. Test da fare per contribuire a determinare la causa della perdita di peso o per determinare ciò che i danni che la perdita di peso ha causato possono includere:

  • CHEM-20;
  • ECG (elettrocardiogramma);
  • Risposta a LH GnRH (funzioni endocrino-metaboliche);
  • Analisi delle urine;anoressia analisi urine universoss
  • Test di funzionalità tiroidea.

Terapia dell’anoressia

La sfida più grande nella cura dell’anoressia è il riconoscimento da parte dell’ammalato che il proprio comportamento è di per sé un problema, non una soluzione di altri problemi. Tuttavia, la maggior parte delle persone negano di avere un disturbo alimentare. Le persone spesso iniziano la cura quando la loro condizione è abbastanza avanzata. L’obiettivo è di ripristinare il normale peso corporeo e le abitudini alimentari, e quindi tentare di risolvere problemi psicologici. Un soggiorno in ospedale può essere necessario se la persona che ha perso molto peso (più del 30% del peso corporeo ideale), la perdita di peso continua, nonostante le cure, ci sono complicazioni mediche, come problemi di frequenza cardiaca, cambiamenti dello stato mentale e bassi livelli di potassio, oppure per chi è affetto da depressione grave o pensa al suicidio. Infatti un’altra terapia può comportare l’uso di antidepressivi, psicoterapia, supporto e assistenza. Grave e immediato pericolo di vita causato dalla malnutrizione può richiedere l’alimentazione tramite flebo.

Prognosi dell’anoressia

L’anoressia è una grave e potenzialmente mortale condizione medica.

Secondo alcune stime, essa conduce alla morte nel 10% dei casi. I programmi di terapia hanno un buon tasso di successo nel ripristino di peso normale, ma la ricaduta è comune. Le donne che sviluppano questo disturbo alimentare in età precoce hanno una migliore possibilità di recupero completo. Tuttavia, la maggior parte delle persone con anoressia continuerà a preferire un basso peso corporeo e continuerà ad essere preoccupato dal cibo e dalle calorie. La gestione del peso può essere difficile, e il trattamento a lungo termine può essere necessario per aiutare a mantenere un sano peso corporeo. Le complicanze possono essere gravi. Ci possono essere infatti:

  • Grave disidratazione;
  • Squilibrio elettrolitico (come insufficienza di potassio);
  • Aritmie cardiache;
  • Grave malnutrizione;
  • Carenze alla tiroide che possono portare ad intolleranza al freddo e costipazione;
  • Aspetto infantile;
  • Gonfiore o edema;
  • Diminuzione dei globuli bianchi che porta ad un aumento della suscettibilità alle infezioni;
  • Osteoporosi;anoressia universoss
  • Erosione e degrado dei denti;
  • Aumento eccessivo di produzione dei fludi dovuto a diarrea o vomito continui.

Prevenzione dell’anoressia

In alcuni casi la prevenzione può non essere possibile. Curare l’aspetto psicologico può essere la miglior arma per prevenire l’anoressia. Talvolta, la consulenza può aiutare.

Che l’emulazione delle top model possa essere pericolosa per le teenager è cosa nota da anni. L’ultima conferma arriva da un’indagine promossa da Nutrimente Onlus, associazione per la prevenzione, la cura e la conoscenza dei disturbi del comportamento alimentare, in occasione della Fashion Week 2016, condotta su un panel di 40 esperti di psichiatria, psicologia e medicina interna, per analizzare quanto peso abbia l’immagine corporea delle modelle nella vita delle adolescenti. Dai risultati è emerso che la continua esposizione a modelli di fisicità troppo magri o filiformi, espone una ragazza su 2 (47%) a un forte rischio emulazione, ovvero un’attenzione particolare al cibo e al corpo che può trasformarsi in una vera e propria ossessione. Il peso diventa così il principale parametro di valutazione del proprio valore personale e in tale condizione la pressione mediatica può avere un effetto decisivo sull’insorgenza di comportamenti alimentari patologici.

Pericolo anoressia, le modelle influenzano il 47% delle adolescenti

La ricerca della perfezione fisica, secondo la ricerca, spinge le ragazze verso diete sbagliate (52%). Al secondo posto si posiziona l’esercizio fisico eccessivo (47%) e l’utilizzo di inibitori della fame, lassativi o diuretici (35%). Secondo gli esperti nel 24% dei casi la fascia più colpita è quella che va dai 19 ai 21 anni, seguita dalla fascia di età tra 15 ai 18 anni (21%) e dai 22 ai 25 anni (14%).
In Italia sono circa 3 milioni i giovani che soffrono di disturbi del comportamento alimentare (DCA), di cui il 95,9% sono donne e il 4,1% uomini. Il numero di decessi in un anno per anoressia nervosa si aggirano tra il 5,86 e 6,2%, tra 1,57 e 1,93% per bulimia nervosa e per gli altri disturbi tra 1,81 e 1,92%. Secondo i dati del Ministero della Salute sono 102 il numero di nuovi casi in un anno per anoressia nervosa su 100.000 abitanti mentre 438 sono quelli per bulimia nervosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.