17 Giugno 2024
Comprendere cosa siano gli atti medici non è semplice, poiché non esiste una legge o un provvedimento specifico che ne fornisca una definizione univoca

 Gli “Atti Medici”in Italia: Definizione e Responsabilità

Comprendere cosa sia un atto medico non è semplice, poiché non esiste una legge o un provvedimento specifico che ne fornisca una definizione univoca. Tuttavia, attraverso varie fonti e organizzazioni, possiamo delineare il concetto e la portata di questa importante figura nel campo della salute e della medicina.

La FISM (Federazione Italiana delle Società Medico-Scientifiche) afferma che l’atto medico comprende tutte le attività professionali finalizzate alla promozione della salute, alla prevenzione delle malattie, alla diagnosi e alla prescrizione di cure terapeutiche o riabilitative

 

 

L’atto medico è l’insieme di azioni e decisioni intraprese dai professionisti della salute, principalmente i medici, per garantire la salute e il benessere dei pazienti. Vediamo alcuni aspetti chiave:

 

Consenso Informato: La legge italiana stabilisce che nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito senza il consenso libero e informato della persona interessata, a meno che non vi siano casi espressamente previsti dalla legge. Questo significa che il paziente deve essere adeguatamente informato riguardo alla diagnosi, ai benefici e ai rischi dei trattamenti proposti.

 

2. Relazione di Cura: L’atto medico si basa sulla relazione di cura e fiducia tra paziente e medico. Questa relazione coinvolge l’autonomia decisionale del paziente e la competenza del medico. Altri professionisti sanitari fanno parte dell’equipe sanitaria e contribuiscono alla relazione di cura.

 

3. Documentazione: Il consenso informato, acquisito nei modi più consoni alle condizioni del paziente, deve essere documentato in forma scritta o attraverso videoregistrazioni. Questo documento è inserito nella cartella clinica e nel fascicolo sanitario elettronico.

 

4. Esercizio Abusivo della Professione: È importante definire l’atto medico per evitare sconfinamenti di attribuzioni e l’esercizio abusivo della professione medica. La Corte di Cassazione ha riconosciuto il reato di esercizio abusivo della professione in vari contesti, come la pratica dell’agopuntura, la formulazione di diagnosi o la prescrizione di trattamenti.

 

Legge 219/2017: Consenso Informato e Disposizioni Anticipate di Trattamento

 

La legge 219/2017 tutela il diritto alla vita, alla salute, alla dignità e all’autodeterminazione della persona. Essa stabilisce che nessun trattamento sanitario può essere avviato senza il consenso informato del paziente. Inoltre, promuove la relazione di cura tra paziente e medico e garantisce il diritto di conoscere le proprie condizioni di salute.


Altri atti medici Ecco un elenco di atti medici, l’escludendo il consenso informato:

 

1. Certificati Medici:

– Certificato di Vaccinazione: Documento che attesta la vaccinazione di una persona.

– Certificato di Esenzione di Vaccinazione: Rilasciato quando una persona è esentata dalla vaccinazione per motivi specifici.

– Certificato di Gravidanza: Attesta la gravidanza di una donna.

– Certificato di Assistenza al Parto: Documento relativo all’assistenza fornita durante il parto.

– Certificato di Morte: Rilasciato in caso di decesso di un individuo.

– Certificato di Infortunio in Agricoltura: Attesta un infortunio sul luogo di lavoro in ambito agricolo.

– Certificato di Cessata Contagiosità e Riammissione in Collettività: Documento che indica la fine del periodo di contagiosità e la possibilità di rientrare in ambienti collettivi .

 

2. Prescrizioni Mediche:

– Ricetta Medica: Prescrizione di farmaci o trattamenti da parte del medico.

– Prescrizione di Esami di Laboratorio: Indicazione di esami da eseguire per la diagnosi o il monitoraggio di una condizione medica.

– Prescrizione di Terapie Fisiche o Riabilitative: Indicazione di esercizi o trattamenti per il recupero fisico.

– Prescrizione di Dispositivi Medici: Indicazione di utilizzare apparecchiature o dispositivi specifici per il trattamento o la gestione di una patologia.

 

3. Procedure Diagnostiche e Terapeutiche:

– Biopsia: Prelevamento di tessuto per analisi.

– Radiografia: Immagine dei tessuti interni ottenuta tramite raggi X.

– Endoscopia: Esame visuale degli organi interni tramite un tubo flessibile con telecamera.

– Chirurgia: Intervento per rimuovere, riparare o trattare una condizione medica.

 

4. Visite Specialistiche:

– Visita Oculistica: Esame della vista e della salute degli occhi.

– Visita Ginecologica: Esame del sistema riproduttivo femminile.

– Visita Cardiologica: Valutazione della salute del cuore e dei vasi sanguigni.

 

5. Procedure di Emergenza:

– Rianimazione Cardiopolmonare (CPR): Manovre per mantenere la circolazione sanguigna e l’apporto di ossigeno in caso di arresto cardiaco.

– Trattamento di Shock Anafilattico: Somministrazione di farmaci per reazioni allergiche gravi.

– Sutura di Ferite: Chiusura di tagli o lacerazioni con punti o graffette.

 

Questi sono solo alcuni esempi di atti medici, e la loro portata può variare a seconda del contesto clinico e delle necessità del paziente.

In sintesi, gli atti medici rappresentano un insieme di azioni professionali finalizzate alla promozione della salute, alla prevenzione delle malattie, alla diagnosi e alla prescrizione di cure terapeutiche. Pur non avendo una definizione giuridicamente vincolante, l’atto medico è fondamentale per garantire la sicurezza e il benessere dei pazienti in Italia

 

 

 

1 thought on “Gli “Atti Medici” in Italia: Definizione e Responsabilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.