17 Giugno 2024

Come salvare o comportarsi se qualcuno annega?

Giorni di vacanza, tutti quanti gli aspettiamo!

Ma spesso quando andiamo in vacanza al mare o\e al lago non siamo preparati al pericolo annegamento ne tanto meno a salvare qualcuno..

Proprio per questo ho deciso di darti le istruzioni su come comportarti in caso di qualcuno da salvare in pericolo nell’acqua..

salvare

Linee guida da seguire se si vuole salvare la vita a qualcuno

1 Prima cosa da fare se c’è qualcuno in pericolo nell’acqua, è meglio, se si può, non agire da soli, ma chiamare aiuto a gran voce. Se vi accorgete che qualcuno sta annegando, chiamate il bagnino se c’è, altre persone ad accorrere e il 118.

2 Se la distanza lo consente, anziché  gettarsi in acqua, si può provare a raggiungere la persona in pericolo allungandogli un braccio o una gamba, tenendosi contemporaneamente ben attaccati a qualcosa di stabile.

Questa manovra però dev’essere fatta solo dopo aver valutato la sicurezza della scena.

Ovvero, che la manovra possa essere svolta da voi in sicurezza e dopo aver valutato che avvicinarsi non sia pericoloso. Non cercate di tirare fuori qualcuno dall’acqua, se non siete sicuri che siete effettivamente in grado di farlo.

Spesso gli eroi, anziché salvare chi annega, finiscono con diventare una seconda vittima a cui i soccorritori dovranno fare attenzione quando arriveranno per il salvataggio.

3 Sempre se la persona non è troppo lontana, si può anche provare a lanciarle qualcosa che galleggi e alla quale potersi aggrappare, come ad esempio una corda, un bastone, un salvagente, ecc.

4 Se, invece, la persona in difficoltà è molto distante e siete esperti nel nuoto e si il mare non è agitato, potete provare a buttarvi in acqua, avendo l’accortezza di portare un’asse, un salvagente o qualsiasi altro oggetto che galleggi a cui aggrapparsi.

Fatelo solo se siete nelle condizioni fisiche per farlo e se il mare non è pericoloso. Insomma, se la scena è sicura.

Oltre ad essere dei bravi nuotatori, dovete essere nella condizione psicofisica adatta e sufficientemente robusti per poterlo afferrare quindi trascinarlo sino alla riva

5 Mentre state nuotando per raggiungere la persona in difficoltà, non perdete mai di vista né la persona né il punto in cui si trova.

6.Una volta arrivati, porgete subito alla persona l’oggetto a cui aggrapparsi: nuotate senza fretta e, soprattutto, senza affaticarvi, la dovete trascinare lentamente verso riva

7.Una volta usciti fuori dall’acqua, può essere necessario effettuare immediatamente la respirazione artificiale ed eventualmente il massaggio cardiaco: in questo caso bisogna chiamare un’ambulanza il prima possibile. Se la persona sviene leggere questa linea guida :

Guide linee per lo svenimento (Sincope)-Perdita di coscienza

8.Avvolgete la persona in coperta o in una asciugamano: deve stare al caldo per non subire altri traumi

9.La persona in tali condizioni non deve assolutamente bere

10.Anche se la persona sembra essersi ripresa completamente, è importantissimo chiamare un medico o condurla al più vicino Pronto Soccorso. Infine, fate particolarmente attenzione ai bambini: non lasciateli mai incustoditi nel bagnetto, nelle piscine gonfiabili o nei canotti pieni d’acqua.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.