17 Giugno 2024

ematuria

Ematuria
COS’È?
È la presenza di sangue nelle urine. L’ematuria non è una patologia ma è sintomo di un’altra patologia. Viene suddivisa in:
macroscopica: il sangue nelle urine è visibile dal bambino o dai genitori;
microscopica: le urine sono limpide, il sangue non è visibile a occhio nudo e solo un esame di laboratorio consente di identificarne la presenza.
COME SI RICONOSCE?
In presenza di ematuria una visita dall’urologo pediatrico consente d’inquadrare il problema valutando:
caratteristiche dell’ematuria come entità, colorazione, permanenza durante tutta o parte della minzione;
eventuale presenza di problemi associati quali traumi, dolori, disturbi minzionali, febbre o infezioni faringee.
Gli esami da effettuare variano a seconda dei casi. In genere si eseguono:
esame delle urine con urinocoltura per valutare la presenza di eventuali segni di patologie renali o infezioni delle vie urinarie;
ecografia dell’apparato urinario per valutare i danni di un trauma, la presenza di calcoli o di malformazioni congenite dell’apparato urinario.
IN CHI SI MANIFESTA?
L’ematuria macroscopica è una condizione poco frequente nei bambini (riferita in 1 caso su 1000), mentre quella microscopica colpisce 1-2 bambini su 100.

PERCHÉ SI MANIFESTA?
L’ematuria può essere dovuta a:
patologie renali: essenzialmente glomerulonefriti, ovvero infiammazioni acute o croniche del parenchima renale deputato alla produzione dell’urina;
patologie delle vie urinarie, quali calcoli, infezioni, traumi e malformazioni.

COME SI CURA?
Il trattamento dell’ematuria dipende dalla patologia responsabile del disturbo stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.